Futuro, fiducia e denaro

PAOLO BRUTTINI – Una recente richiesta a proporre le mie riflessioni  sulla politica delle risorse umane da parte di un istituto di credito ad interesse locale, mi ha portato a fare qualche scoperta. Girovagando tra i volumi che richiedono attenzione sulla mia scrivania ho scoperto un saggio molto acuto del filosofo Giorgio Agamben compreso in un raccolta di scritti  dal titolo Del cooperare. Manifesto per una nuova economia, Vita – Apogeo, Milano, 2012.

 

L’autore propone un interessante collegamento tra il concetto di Pistis – fede nel greco delle Sacre Scritture – e Futuro. Senza la fede o la fiducia non esiste il futuro. Chiariamo meglio questo punto. Esiste fiducia se il futuro ha solide radici nel presente. Questa cosa è Luhmann a dirla, un bel saggio di alcuni fa (Fiducia, Il Mulino, 2002, 1968). Se è possibile individuare una relazione di causa ed effetto tra le nostre azioni e le conseguenze future allora si costruisce la fiducia.  Se al contrario, si indebolisce il collegamento tra il comportamento e l’effetto che questo produce, allora la fiducia viene meno. E’ sotto gli occhi di tutti, che il futuro è sempre più imprevedibile, che si annidano in esso tante possibilità diverse da quelle che avevamo previsto, o in qualche modo cercato di determinare. Tra crisi economiche, globalizzazione, malaffare e competizione è sempre più difficile prevedere cosa accadrà. Alcuni cominciano a pensare “che senso ha darsi da fare, tanto vinceranno i soliti“, oppure “tanto cambiano idea all’ultimo momento“.

Agamben citando gli scritti di Flüsser ci ricorda che nel greco contemporaneo Trapeza tes pisteos è il Banco di credito. Quindi la fede è il credito che noi abbiamo presso Dio, oppure, al contrario che Dio ha presso di noi. Come dice S. Paolola fede è sostanza di cose sperate” e dunque dà realtà a ciò che noi speriamo. Il passaggio a questo punto è ancora più interessante. Attorno al denaro nel nostro tempo le speranze possono diventare realtà. Il denaro è il mezzo attraverso cui si genera il circuito della fiducia. Il Banco di credito è il banco della fiducia, nella misura in cui il credito rende possibile ricostruire la fiducia. La banca per tale motivo è un luogo in cui si celebra una nuova sacralità, attorno a quell’oggetto mistico nel presente che è il denaro.  La Banca ha il potere di rimettere in circolo le risorse che alimentano il futuro. La Banca è artefice del futuro, nel senso che può renderlo possibile.

Il programma di ricostruire la fiducia nel nostro Paese è forse la missione più ardua. Ognuno per tale motivo deve fare la sua parte. Noi cittadini, ma anche le istituzioni economiche fondamentali.

5
Condividi
Facebook Twitter Linkedin Email

2 thoughts on “Futuro, fiducia e denaro

  • 18 aprile, 2013 at 19:26
    Permalink

    Grande Paolo, bisogna a volte essere incoscienti, perchè non si riesce a “pesare” tutto. E l’ansia, e se poi? e se poi? Ma intelligenti, una volta presa una strada non saprai mai cosa hai lasciato, dimenticala! Ma sii pronto, sveglio, preparati, non buttarti a pesce. Il futuro è lì, lo conosciamo, possiamo cambiarlo, non è granito, ma non facciamoci prendere in faccia dall’autobus.. Ciao Marco

    Reply
  • 21 aprile, 2013 at 10:33
    Permalink

    leggendo il tuo post la mia mente ha subito collegato la fiducia ai contesti che frequento per lavoro e per quanto sia condivisibile il motto ” senza la fede o la fiducia il futuro non esiste”, credo che bisogni partire un po’ piu’ in basso perchè è da tanto che non proviamo questa sensazione! Tempo che ci serva un’educazione alla fiducia , adesso vedo solo una corsa per la sopravvivenza o per cose peggiori …il tuo post mi ha fatto riflettere, grazie!

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*