INFORMATION OVERLOAD: Circa 25.800.000 di risultati…in 0,32 secondi! (1° parte)

information overload 3FABIO PERRONE – Negli ultimi anni lo sviluppo vertiginoso dell’utilizzo di internet e delle tecnologie associate ha fatto emergere alcune riflessioni sul tema dell’information overload, vale a dire il sovraccarico di informazioni a cui costantemente accediamo o da cui veniamo bombardati. Sicuramente la proliferazione di fonti, la crescita continua di nuovi contenuti e di nuove modalità di distribuzione (blog, social network, ecc.) rappresentano un vantaggio e sviluppano una nuova forma di democrazia digitale, ma è anche vero che ci sono molti rischi legati al sovraccarico informativo di  cui non tutti sono pienamente consapevoli.

Trascorriamo molto del nostro tempo sulla rete passando da una pagina all’altra, consultando costantemente newsletter, blog, aggiornamenti delle persone che seguiamo sui vari social network e ciascuno di questi ci invita ad esplorare altre informazioni, a condividerle con altri in un flusso continuo ed infinito.

La stessa cosa capita quando si effettua una ricerca su un determinato argomento. Scrivi la parola chiave e il motore di ricerca ti restituisce, quando va bene, almeno 100.000 pagine, se non come nella maggior parte dei casi qualche milione.

Questa abbondanza di notizie può avere una serie di conseguenze negative sia materiali che psicologiche.

Metto in premessa che al giorno d’oggi non è possibile disinteressarci di ciò che avviene intorno a noi. Rifugiarsi nell’ignoranza e nell’ignorare le tendenze ed i cambiamenti che avvengono rischia di isolarci e di farci richiudere in noi stessi.

Scartata questa ipotesi, quali scelte abbiamo per essere sempre aggiornati e stare dietro a tutto?

Le riflessioni al prossimo post…..

3
Condividi
Facebook Twitter Linkedin Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*